Siccità, di Paolo Virzì (2022)

di Roberta Lamonica Presentato fuori concorso a Venezia 79, Siccità di Paolo Virzì è un film sorprendente, di certo ambizioso e coraggioso. Un ‘disaster movie’ nostrano con il nostro modo antieroico di affrontare la miseria umana e la nostra spesso insospettabile capacità di sopportare, accettare e in qualche modo ripartire nel percorso accidentato della vita.... Continue Reading →

Giulia, di Ciro De Caro (2021)

Erano anni che non vedevo un film italiano così ben realizzato: forse anche in virtù delle esigue risorse necessarie per la sua produzione, Giulia raggiunge l’essenza di un racconto in levare che vibra per tutta la sua durata con l’animo di chi lo guarda, annullando la distanza tra ciò che mostra e ciò che fa sentire.

L’immensità, di Emanuele Crialese (2022)

di Roberta Lamonica Da “Terraferma” a “Nuovomondo”, ho sempre fatto film sulle migrazioni, sulle transizioni anche da un luogo all’altro. C’è molta trasfigurazione, non giro documentari, è la mia esperienza di vita. (E. Crialese) Presentato in concorso alla 79° edizione della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e distribuito da Warner Bros. Pictures, L’immensità è... Continue Reading →

IL SIGNORE DELLE FORMICHE di Gianni Amelio (Italia 2022)

di Simone Lorenzati Gli esperti di mirmecologia sanno che gli operosi insetti che troviamo ovunque hanno due stomaci, uno per sé e l’altro destinato alla condivisione col resto della colonia (chiamato per questo “stomaco sociale”).  Il Signore delle formiche, il film di Gianni Amelio recentemente in Concorso alla 79ma Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia,... Continue Reading →

Hana-bi, di Takeshi Kitano (Giappone/1997)

di Girolamo Di Noto - Hana-bi è un film di contrasti, lacerazioni, crudeltà e dolcezza, disperazione e sogno. Sin dal suo titolo originale, il film si dibatte tra due opposti: il fiore e il fuoco. Hana in giapponese vuol dire "fiore", ovvero la vita, mentre bi letteralmente è "fuoco", ovvero la morte. I due ideogrammi insieme significano "fuoco d'artificio".

Pinocchio (2022) di Robert Zemeckis

di Fabrizio Spurio P.s.: il post può contenere immagini che possono turbare la sensibilità delle persone. Posso dire che questa immagine riassume il mio giudizio di questa pellicola. Il regista, Robeert Zemekis, autore di molti capolavori del cinema americano, fil splendidi e ormai storici (“Ritorno al futuro”, “La morte ti fa bella”, “Chi ha incastrato... Continue Reading →

The Last Waltz, di Martin Scorsese (USA, 1978)

di Bruno Ciccaglione - Nel filmare l’ultimo concerto di uno dei gruppi più importanti della storia del rock, The Band, Martin Scorsese, quasi al di là della volontà stessa dei musicisti protagonisti, ne coglie e ne esalta il valore simbolico di evento finale di un’epoca: è la fine dell’età dell’oro del rock, che coincide forse non a caso con la fine degli anni settanta.

Magnolia, di Paul Thomas Anderson (1999)

di Marzia Procopio “Possiamo aver finito con il passato, ma il passato non ha mai finito con noi” Scritto diretto e prodotto da Paul Thomas Anderson, interpretato da un cast eccellente - Julianne Moore, Jason Robards, William H. Macy, Melinda Dillon, Philip Seymour Hoffman, Melora Walters, Philip Baker Hall e da un intenso Tom Cruise... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: