‘La madeleine’ proustiana in ‘Hiroshima mon amour’

‘Hiroshima, mon amour’ (1959), di A. Resnais con E. Riva e E. Okada. A.Resnais, al suo primo lungometraggio, scrive una pagina indimenticabile della storia del cinema. ‘Hiroshima, Mon Amour’, come ‘A bout de souffle’ e ‘Les 400 coups’ è uno spartiacque, un punto di riferimento ineludibile per una nuova generazione di registi che destruttura la … Continua a leggere ‘La madeleine’ proustiana in ‘Hiroshima mon amour’

Determinismo e desiderio in Tess di R. Polanski

"Le chiese se le piacevano le fragole. “Sì - rispose Tess - quando è la stagione”. “Ce ne sono già di mature qui.” D’Urberville [...] scegliendone uno speciale della varietà British Queen, [...] l’avvicinò alla sua bocca. “No...no!”, esclamò Tess, rapidamente, facendosi schermo con le dita. “Preferisco fare da me”. “Sciocchezze!”, egli insistè. Tess, in … Continua a leggere Determinismo e desiderio in Tess di R. Polanski

Le ‘giuste’ rivendicazioni dei doppi in ‘Us’ di J. Peele.

di Fabrizio Spurio. Jordan Peele è alla seconda prova registica, dopo il successo ottenuto con “Get out – scappa”. Nel precedente film il protagonista si ritrovava prigioniero in una casa nella quale era stato invitato in qualità di fidanzato. In questo secondo lungometraggio, invece, la situazione si ribalta, e i protagonisti, la famiglia Wilson, padre, … Continua a leggere Le ‘giuste’ rivendicazioni dei doppi in ‘Us’ di J. Peele.

‘Lasciami entrare’, un rubino prezioso nel candore di un inverno svedese

‘Let the right one in Let the old dreams die Let the wrong ones go They cannot do What you want them to do’ (Morrissey, ‘Let the Right One Slip In’) Lasciami entrare (svedese: Låt den rätte komma in, inglese: Let the Right One In) è un film del 2009 diretto da Tomas Alfredson (La … Continua a leggere ‘Lasciami entrare’, un rubino prezioso nel candore di un inverno svedese

L’uomo fedele: l’enigmatico universo femminile secondo L. Garrel

Dopo il debutto alla regia nel 2015 con Les Deux Amis il dreamer Louis Garrel attore cinephile erede del grande Philippe torna dietro la macchina da presa deliziandoci per 75 minuti con L' Uomo Fedele. Il talentuoso Louis fin dalle prime immagini sa come catturare lo spettatore, grazie ad un incipit spassoso e dirompente, ma … Continua a leggere L’uomo fedele: l’enigmatico universo femminile secondo L. Garrel

‘Picnic ad Hanging Rock’: il recupero del femminino sacro nel film capolavoro di P. Weir

di Roberta Lamonica 'La vita è sogno, soltanto sogno, il sogno di un sogno" (E.A.Poe) Tratto dal romanzo di J. Lindsay, nel 1975 Peter Weir gira ‘Picnic ad Hanging Rock’ e fa conoscere il cinema australiano a tutto il mondo. Nell’esclusivo collegio femminile Appleyard si festeggia il giorno di S. Valentino con una gita a … Continua a leggere ‘Picnic ad Hanging Rock’: il recupero del femminino sacro nel film capolavoro di P. Weir

‘Mai di Domenica’, di J. Dassin, con M. Merkouri

Nel 1960 la Grecia fu per la prima volta sotto i riflettori del cinema americano ed europeo grazie a una commedia non convenzionale e anticonformista, ‘Never on Sunday’ (Mai di Domenica), diretta da Jules Dassin e interpretata da una meravigliosa Melina Merkouri che con questo film si attestò come stella internazionale del cinema. Dassin, liberale … Continua a leggere ‘Mai di Domenica’, di J. Dassin, con M. Merkouri

La moglie di Frankenstein

All’uscita della ‘Moglie di Frankestein’ nell’aprile del 1935 fu subito chiaro che si stava assistendo a qualcosa di più di un sequel. Frankenstein era stato una pietra miliare nel genere ma il regista James Whale non volle riproporre lo stesso soggetto. Piuttosto trasformò il follow-up in un’opera di grande impatto stilistico e di sofisticata arguzia, … Continua a leggere La moglie di Frankenstein

‘Momenti di Trascurabile Felicità’: La salvifica protezione della ‘maschera’ nell’ultimo film di Daniele Luchetti con Pif e R. Carpentieri.

‘Momenti di trascurabile felicità’, (2019), è un film di Daniele Luchetti, con Pif, Renato Carpentieri e Thony. In una Palermo brulicante di vita e dall’aspetto molto europeo, bella come non mai; in una casa meravigliosa di un palazzo storico, transennato e sempre in manutenzione come la vita di ognuno di noi, vive una famiglia come … Continua a leggere ‘Momenti di Trascurabile Felicità’: La salvifica protezione della ‘maschera’ nell’ultimo film di Daniele Luchetti con Pif e R. Carpentieri.

The Guilty – Il colpevole: Il cinema come rappresentazione mentale

"C’è del marcio in Danimarca”: chi non conosce la celeberrima frase con il quale Marcello nell’atto I scena IV dell’Amleto apostrofa i turbamenti esistenziali del giovane principe shakespeariano? Entrata di diritto nel linguaggio comune, la sinistra locuzione allude a situazioni poco limpide, intrighi e azioni disoneste. Se volessimo invece associare l’oscura riflessione a un personaggio … Continua a leggere The Guilty – Il colpevole: Il cinema come rappresentazione mentale

La casa di Jack. Il cinema perturbante di Lars von Trier

Tigre! Tigre! Divampante fulgore Nelle foreste della notte, Quale fu l'immortale mano o l'occhio Ch'ebbe la forza di formare la tua agghiacciante simmetria? (William Blake) La casa di Jack. Il ritorno di Lars von Trier La casa di Jack è un viaggio nella coscienza di un serial killer giunto al traguardo della sua esistenza e … Continua a leggere La casa di Jack. Il cinema perturbante di Lars von Trier

Un’Avventura. Mogol e Battisti non passano mai di moda.

Non saràUn’avventuraQuesto amore è fatto solo di poesiaTu sei miaTu sei miaFino a quando gli occhi mieiAvran luce per guardare gli occhi tuoi ("Un'avventura", Lucio Battisti) Se da una parte è in sala Il primo re di Matteo Rovere che imbarca il cinema italiano verso le grandi narrazioni epiche e dark, dall’altra si afferma sempre … Continua a leggere Un’Avventura. Mogol e Battisti non passano mai di moda.

‘Ci vuole un fisico’, di Alessandro Tamburini (2018)

Il bisogno di essere approvati e ammirati e di ricevere gratificazioni dagli altri è autentico della natura umana ed è umanamente comprensibile. " E mira ed è mirata, e in cor s'allegra", scriveva Leopardi ne Il passero solitario a proposito della gioventù: ben sappiamo come il poeta recanatese sapesse cogliere con fine intuito e delicata … Continua a leggere ‘Ci vuole un fisico’, di Alessandro Tamburini (2018)

‘The Mule’: Un cow boy un po’ diverso per un Clint Eastwood splendido, come sempre. (a cura di Erica Villa)

'Saper invecchiare significa saper trovare un accordo decente tra il tuo volto di vecchio e il tuo cuore e cervello di giovane'. (Ugo Ojetti) A ottantotto anni Clint Eastwood dirige, produce, e interpreta uno dei ruoli migliori della sua lunga e straordinaria carriera. The Mule è tratto dalla storia vera di Leo Sharp, veterano della … Continua a leggere ‘The Mule’: Un cow boy un po’ diverso per un Clint Eastwood splendido, come sempre. (a cura di Erica Villa)

’Un valzer tra gli scaffali’: l’immaginazione è ancora al potere

"Dovremmo considerare persi i giorni in cui non abbiamo ballato almeno una volta" (Friedrich Nietzsche) Un cinema insolitamente fiabesco e piacevolmente demode' quello proposto da Thomas Stuber, autore acclamato nei festival di tutto il mondo e ora atteso dal 14 febbraio al banco di prova con il grande pubblico. A prima vista 'Un valzer tra … Continua a leggere ’Un valzer tra gli scaffali’: l’immaginazione è ancora al potere

‘Dopo la Prova’, di I. Bergman, al Teatro Vascello di Roma fino al 10 febbraio 2019.

«Tutto può avvenire, tutto è possibile e probabile. Tempo e spazio non esistono; su una base minima di realtà, l'immaginazione disegna motivi nuovi: un misto di ricordi, esperienze, invenzioni, assurdità e improvvisazioni» (A. Strindberg) 'Dopo la prova’, di Ingmar Bergman è in scena fino a domani, 10 febbraio 2019, al Teatro Vascello di Roma. Con … Continua a leggere ‘Dopo la Prova’, di I. Bergman, al Teatro Vascello di Roma fino al 10 febbraio 2019.

’Lanterne rosse’, di Zhang Yimou, (1991)

Nel suo saggio ‘L’avorio ideologico di Jane Austen’ (1974), Silvano Sabbadini evidenzia come per la scrittrice inglese il matrimonio corrisponda alla ‘morte’ per le protagoniste dei suoi romanzi. E infatti ogni romanzo di J. Austen si conclude con un matrimonio. Dopo, per la donna del diciottesimo secolo, non c’è più nulla da dire, più nulla … Continua a leggere ’Lanterne rosse’, di Zhang Yimou, (1991)

Tramonto. L’orrore dietro la bellezza

Di tali tramonti, quello dai tratti più distinti, il «tramonto del mondo antico», lo abbiamo dinanzi agli occhi, mentre già oggi cominciamo a sentire in noi e intorno a noi i primi sintomi di un fenomeno del tutto simile quanto a decorso e a durata, il quale si manifesterà nei primi secoli del prossimo millennio, … Continua a leggere Tramonto. L’orrore dietro la bellezza

Mia e il leone bianco, un lucido ed emozionante sguardo sul futuro (di Laura Pozzi)

“Tra tutti gli animali l’uomo è il più crudele. E’ l’unico a infliggere dolore per il piacere di farlo” (Mark Twain) Sudafrica, una porzione di mondo remota, affascinante, complessa associata ad un ideale di purezza e libertà, messo costantemente alla prova dall'inarrestabile sete di potere e avidità dell’essere umano. Mia e il leone bianco pellicola … Continua a leggere Mia e il leone bianco, un lucido ed emozionante sguardo sul futuro (di Laura Pozzi)

‘Il mio capolavoro’: uno sguardo dissacrante e ironico sul mercato dell’arte contemporanea

Il mio capolavoro (Mi obra maestra, 2018), di Gastón Duprat. "Si quiere tener éxito, mientes!” (Se vuoi avere successo, menti!) Il mio capolavoro (Mi obra maestra, 2018), di Gastón Duprat. Brillante, leggera, intelligente. Se non un capolavoro, è davvero squisita e godibile, senza effetti collaterali questa commedia/thriller. Divertente e spumeggiante, ironica talvolta sarcastica, pungente e … Continua a leggere ‘Il mio capolavoro’: uno sguardo dissacrante e ironico sul mercato dell’arte contemporanea

Yorgos Lanthimos in un’interpretazione molto personale del ‘period drama’ nel suo ultimo bellissimo film, ‘La Favorita’.

“Here thou, great Anna! whom three realms obey, Dost sometimes counsel take - and sometimes tea.” Alexander Pope, "The Rape of the Lock” (1712) Yorgos Lanthimos (The killing of a sacred deer, Dogtooth, The Lobster, Alpes) deve aver letto il poema eroicomico tagliente e sferzante di Pope in cui Il narratore, in disparte, osserva quanto … Continua a leggere Yorgos Lanthimos in un’interpretazione molto personale del ‘period drama’ nel suo ultimo bellissimo film, ‘La Favorita’.

Il Lato B del Potere

Vice - L 'uomo nell'ombra, di Adam McKay (2018) con Christian Bale, Amy Adams, Steve Carrel e Sam Rockwell. Adam McKay, dopo la “Grande scommessa”, continua imperterrito ad incalzare il popolo americano. Lo spinge forte contro lo specchio e lo constringe a riflettere su quanto sia manipolato e manipolabile il concetto di libertà, secondo il … Continua a leggere Il Lato B del Potere

Suspiria, di Luca Guadagnino (2018): non basta il titolo per (ri)fare un capolavoro horror.

Luca Guadagnino firma il suo Suspiria, film che porta lo stesso nome del capolavoro di Dario Argento del 1977 ma che, per stessa ammissione del regista siciliano, si allontana dall'originale in modo pressoché assoluto. E in effetti, l’atmosfera generale del film ricorda più da vicino Mother di Aronofski che il presunto modello di riferimento. Nicolas … Continua a leggere Suspiria, di Luca Guadagnino (2018): non basta il titolo per (ri)fare un capolavoro horror.

Una notte di 12 anni. Un isolamento senza pietà

"Hello darkness, my old friendI've come to talk with you againBecause a vision softly creepingLeft its seeds while I was sleepingAnd the vision that was planted in my brain,Still remainsWithin the sound of silence". ("The Sound of Silence”, Simon & Garfunkel) Cosa ne è della mente di un uomo quando l’oscurità in cui è immerso … Continua a leggere Una notte di 12 anni. Un isolamento senza pietà

Capri-Revolution. La ricerca del Sé tra arte e natura

Corpi nudi danzanti, che volteggiano nella foresta come esseri sovrannaturali, eterei e in sinergia con il Cosmo. Hanno la purezza e la perfezione delle ninfe greche e danzano con la passione e la libertà delle menadi, ma sono esseri umani, artisti, alla ricerca della bellezza e di un nuovo modo di vivere. Gli occhi di … Continua a leggere Capri-Revolution. La ricerca del Sé tra arte e natura

Sulla recitazione di Gloria Swanson in ‘Sunset Boulevard’ di Billy Wilder (1950)

“Questa è la mia vita, e lo sarà per sempre. Non esiste altro: solo noi e la macchina, e il pubblico che guarda in silenzio nell’oscurità. Eccomi, De Mille, sono pronta per il mio primo piano”. Gloria Swanson, nel ruolo di Norma Desmond in ‘Sunset Boulevard’, di Billy Wilder (1950). L’interpretazione di Gloria Swanson nell’indimenticabile … Continua a leggere Sulla recitazione di Gloria Swanson in ‘Sunset Boulevard’ di Billy Wilder (1950)

La classe operaia (non)va in paradiso

"Ciò che resta originario nell'operaio è ciò che non è verbale: per esempio la sua fisicità, la sua voce, il suo corpo. Il corpo: ecco una terra non ancora colonizzata dal potere”. (P.P.Pasolini) Nel 1971 Elio Petri dirige un film importantissimo e controverso fin dalla sua uscita, ‘La Classe operaia va in Paradiso’, con Gian … Continua a leggere La classe operaia (non)va in paradiso

Umberto D: il punto più alto del neorealismo italiano

"I personaggi di Chaplin erano pensati perché noi li amassimo. A Umberto D. non interessa se lo amiamo o meno. Ed è per questo che lo amiamo”. (R. Ebert) Umberto D, di Vittorio De Sica, soggetto e sceneggiatura di C.Zavattini, con Franco Battisti, Maria Pia Casilio, Lina Gennari, Memmo Carotenuto e il cane Napoleone (1952). … Continua a leggere Umberto D: il punto più alto del neorealismo italiano

A quiet passion (GB, Usa, Belgio, 2016 ) di Terence Davies

La storia della celebre poetessa statunitense Emily Dickinson raccontata con eleganza e grazia visiva dal regista Terence Davies rievoca, fa venire in mente la figura dell' albatro di Baudelaire, l'uccello marino che, quando viene catturato dagli uomini dell'equipaggio, non è più " il principe dei nembi", sovrano dell'azzurro, ma diventa impacciato, goffo, ridicolo, fuori dal … Continua a leggere A quiet passion (GB, Usa, Belgio, 2016 ) di Terence Davies

Gli extraterrestri di ‘Tito e gli Alieni’

Tito e gli alieni, di Paola Randi (2017) Chi sono gli extraterrestri? Si sa: quelli che prima o poi (ri)sbarcheranno dai dischi volanti, come da tempo previsto all'Area51, Nevada. O ci credi, o non ci credi. Paola Randi ci crede. Perche' extraterrestri sono pure coloro che non sono più sulla faccia diquesto pianeta, e di … Continua a leggere Gli extraterrestri di ‘Tito e gli Alieni’

Allende, mi abuelo Allende

Allende, mi abuelo Allende ( Cile-Messico/2015 ) di Marcia Tambutti Allende A quarantacinque anni di distanza dal tragico golpe che portò alla morte di Salvador Allende e all' esilio di tutta la sua famiglia, la nipote Marcia Tambutti Allende ricostruisce attraverso ricordi, filmati di repertorio, interviste e rare fotografie un ritratto intimo, affettuoso e mai … Continua a leggere Allende, mi abuelo Allende

‘La Casa delle Bambole-Ghostland’

"La Casa delle Bambole - Ghostland", di Pascal Laugier( 2018) Beth e Vera. Due sorelle, due caratteri diametralmente opposti. Beth ama scrivere racconti dell’orrore, è ossessionata dall’oscurità dell’esistenza e dal macabro incombere del male. Eppure è gentile e vulnerabile, molto più introversa e insicura di Vera, schietta e impulsiva. Quest’ultima odia la passione di Beth … Continua a leggere ‘La Casa delle Bambole-Ghostland’

La figura di Cleo in Roma di A. Cuarón

Nel film vincitore del Leone d’Oro alla 75esima edizione del Festival di Venezia, ‘Roma’, di Alfonso Cuaron, l’acqua è presente ovunque: sul pavimento bagnato di acqua saponata nella scena che apre il film, nell’acqua che viene portata ai bambini, nei secchi che spengono il fuoco, nelle onde del mare, nel corpo pregno di Cleo… L’acqua … Continua a leggere La figura di Cleo in Roma di A. Cuarón

Lawrence d’Arabia: un film epico.

Lawrence d’Arabia (1962) di D.Lean, con Peter O’Toole, Omar Sharif, Anthony Quinn, sceneggiatura di Robert Bolt, musiche di Maurice Jarre, fotografia di Freddie Young. “Se tu fossi un uomo con del denaro da investire nel cinema e venissero da te dicendoti che vogliono fare un film di 4 ore, senza attori famosi, senza donne, senza … Continua a leggere Lawrence d’Arabia: un film epico.

Nato a Casal di Principe: un piccolo film con un cuore enorme.

Amedeo Letizia é noto al grande pubblico sopratutto per il ruolo di Gigi in una fortunata serie tv dei primi anni ‘90, I ragazzi del Muretto, che ha lanciato attrici importanti per il cinema italiano come Cecilia Dazzi e Francesca Antonelli. Amedeo Letizia aveva quello sguardo sornione, quell’aspetto rassicurante da bravo ragazzo, da ‘figlio di … Continua a leggere Nato a Casal di Principe: un piccolo film con un cuore enorme.

Il bene mio… è anche il tuo.

"Il bene mio” è un film di Pippo Mezzapesa (2018), con Sergio Rubini, Sonys Mellah, Dino Abbrescia. Il film è stato girato ad Apice (Benevento), un borgo realmente terremotato, ed e’ la storia di una resistenza, quella di Elia, rimasto solo nel suo piccolo e antico paese divenuto fantasma, dopo un terremoto devastante. Tra tanti … Continua a leggere Il bene mio… è anche il tuo.

The Phantom of the Opera (1925)

Il film è forse tra tutti i rifacimenti e gli adattamenti il più fedele al romanzo di Gaston Leroux. Gaston Leroux, brillante giornalista francese, vive tra il 1868 e il 1927 e pubblica Le fantôme de l’Opéra nel 1910. Si era già fatto conoscere con i polizieschi legati alla figura del detective Joseph Rouletabille, il … Continua a leggere The Phantom of the Opera (1925)

Quel cielo livido della periferia italiana senza nome

Dogman (2018) di Matteo Garrone, con Marcello Fonte ed Edoardo Pesce. Marcello torna a casa, l’unica che riconosca come tale, il negozio di toelettatura per cani che ha sempre gestito con amore e dedizione assoluti. Le spalle curve, il volto emaciato, livido come il cielo e come il cemento che definisce il suo mondo, lo … Continua a leggere Quel cielo livido della periferia italiana senza nome

“Blue my mind – Il segreto dei miei anni”

Di Corinne Vosa “Questa è la metamorfosi, scendere nel buio e sorgere di nuovo. Non è uno scherzo, è un viaggio all’inferno.” (Jeanette LeBlanc) Mia, una ragazza di quasi sedici anni, si trasferisce con la famiglia a Zurigo. Oltre al cambiamento di casa e al rapporto difficile con i suoi coetanei si trova ad affrontare … Continua a leggere “Blue my mind – Il segreto dei miei anni”

L’uccello dalle piume di cristallo (1969)

di Fabrizio Spurio. È passato tempo ormai da quando il genere horror/gotico italiano, con il film 'I vampiri' del 1957, diretto da Riccardo Freda, si è imposto all’attenzione internazionale. Da questa pellicola ha avuto inizio un filone che ha fatto scuola in tutto il mondo. L'esempio di Freda sarà seguito dal suo direttore della fotografia, … Continua a leggere L’uccello dalle piume di cristallo (1969)

‘Tutta colpa del paradiso’: l’omaggio a Francesco Nuti nel giorno del suo compleanno

di Laura Pozzi. Tutta colpa di quel maledetto 3 settembre 2006, giorno in cui Francesco Nuti per circostanze mai del tutto chiarite entra in coma in seguito ad un incidente domestico. Ne uscirà tre mesi dopo, ma la sua vita non sarà più la stessa. Da allora è costretto a vivere su una sedia a … Continua a leggere ‘Tutta colpa del paradiso’: l’omaggio a Francesco Nuti nel giorno del suo compleanno

IL RESTAURO DI  ‘PASQUALINO SETTEBELLEZZE’ (1975), di L. Wertmuller

La versione restaurata di Pasqualino Settebellezze, film-culto realizzato da Lina Wertmüller nel 1975, sarà presentata ufficialmente mercoledì 22 maggio 2019 al festival di Cannes. Il Centro Sperimentale di Cinematografia-Cineteca Nazionale ha curato, grazie all’impegno economico di Genoma Films, il restauro del film diretto nel 1975 da Lina Wertmüller (Mimì metallurgico ferito nell'onore, Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto) e … Continua a leggere IL RESTAURO DI  ‘PASQUALINO SETTEBELLEZZE’ (1975), di L. Wertmuller

Tragedia e vendetta ne ‘Il sacrificio del cervo sacro’ di Y. Lanthimos

di Roberta Lamonica Agamennone: …il potere, sebben dolce, ad averlo t'accora. Uno sbaglio talor verso i Numi la tua vita sconvolge; talora la cruccian gli umori degli uomini, tristi e discordi… (Ifigenia in Aulide, Euripide) Premiato a Cannes 2017 con il Prix du Scénario, Il sacrificio del cervo sacro è il penultimo lavoro del cineasta … Continua a leggere Tragedia e vendetta ne ‘Il sacrificio del cervo sacro’ di Y. Lanthimos

‘John Wick 3 – Parabellum‘: “Si vis pacem, para bellum” Se vuoi la pace, preparati a combattere.

di Paola Salvati 14 milioni di dollari la taglia su di lui e 30 minuti alla scomunica ufficiale. Si apre così il terzo capitolo della saga di John Wick, direttamente dalla scena finale del secondo. Una corsa contro il tempo per cercare di salvare la sua vita, proprio lui che da abilissimo killer ne aveva … Continua a leggere ‘John Wick 3 – Parabellum‘: “Si vis pacem, para bellum” Se vuoi la pace, preparati a combattere.

‘Tacchi a spillo’: tutto sul Pedro che verrà

di Laura Pozzi Vissuto all'ombra di giganti quali 'Tutto su mia madre', 'Parla con lei' e 'Volver', Tacchi a spillo pellicola realizzata nel 1991 rappresenta una tappa cruciale nella stravagante filmografia di Pedro Almódovar. Dopo il successo mondiale di 'Donne sull'orlo di una crisi di nervi' e gli amorevoli eccessi di 'Lėgami!', con questo film … Continua a leggere ‘Tacchi a spillo’: tutto sul Pedro che verrà

Vittime del peccato (Messico, 1951), di Emilio Fernandez.

di Girolamo Di Noto Autentico mattatore dell’età d’oro del cinema nazionale, Fernández definiva se stesso ‘IL cinema messicano’. ‘Vittime del peccato’ non ha goduto dello stesso successo di altri suoi film, come ‘Enamorada’, per esempio, e viene considerato già nella fase decadente della sua produzione. Per certi versi, questo film rimanda all’opera teatrale di Maxim … Continua a leggere Vittime del peccato (Messico, 1951), di Emilio Fernandez.

John McEnroe – L’impero della perfezione’, di Julien Faraut (L’empire de la perfection, Francia 2018

di Andrea Lilli Cinema e tennis – questi due affascinanti giochi di campo rettangolare - continuano, per fortuna, a piacersi e a scambiarsi regali. Dopo il recente Borg McEnroe di Janus Metz Pedersen, da Parigi arriva un altro gustoso omaggio a John McEnroe, 60 anni appena compiuti. Un nuovo premio al tennista piu’ teatrale degli … Continua a leggere John McEnroe – L’impero della perfezione’, di Julien Faraut (L’empire de la perfection, Francia 2018

‘All’Ovest niente di nuovo’, di L. Milestone: non è dolce né dignitoso morire per la patria.

di Roberta Lamonica. ‘... Se tu potessi sentire, ad ogni sobbalzo, il sangue che arriva come un gargarismo dai polmoni rosi dal gas, ripugnante come un cancro, amaro come il bolo di spregevoli, incurabili piaghe su lingue innocenti, amico mio, tu non diresti con tale profondo entusiasmo ai figli desiderosi di una qualche disperata gloria, … Continua a leggere ‘All’Ovest niente di nuovo’, di L. Milestone: non è dolce né dignitoso morire per la patria.