Quella villa accanto al cimitero (1981) di Lucio Fulci

di Fabrizio Spurio “Nessuno saprà mai se i bambini sono mostri o i mostri bambini” (Henry James) La frase che chiude il film, attribuita a Henry James, autore del capolavoro “Giro di vite”, porta alla luce uno dei punti focali della poetica di Lucio Fulci. Il centro della vicenda è villa Freudstein, costruita accanto al... Continue Reading →

FLORENCE di Stephen Frears, Usa (2016)

di Simone Lorenzati “Non importa avere grande talento ma saper sognare in grande” Siamo nella New York del 1944, e l’ereditiera Florence Foster Jenkins è una gran signora ben inserita nei salotti dell’alta società della City. Amante dell’arte, soprattutto innamorata della musica, con il marito e manager St Clair Bayfield, organizza performance canore a cui... Continue Reading →

21 grammi – Il peso dell’anima, di Alejandro González Iñárritu (USA – 2003)

di Raffaele Moccia Locandina „La differenza di peso del corpo da vivo e subito dopo la morte è di 21 grammi“, questo dice uno dei protagonisti del film quando, ormai prossimo a morire, considera che in fondo tutto il nostro agire si riduce al peso di una barretta di cioccolato o al peso di un... Continue Reading →

Carrie – lo sguardo di Satana (1976) di Brian De Palma

di Fabrizio Spurio Tratto dal romanzo “Carrie” di Stephen King, il film diretto da Brian De Palma, può essere considerato tra le migliori riduzioni cinematografiche tratte dallo scrittore. Carrie (Sissi Spacek) è lo zimbello della scuola, e la cosa che le permette di entrare in empatia con lo spettatore è proprio il fatto che tutti,... Continue Reading →

Tanti auguri, Sir James Paul McCartney!

di Rocco Panofski Il binomio sul retro della copertina era McCartney-Lennon, poi divenne Lennon-McCartney, marchio di fabbrica di tutti gli album degli scarafaggi; poi arrivarono le liti e le rivendicazioni su chi avesse effettivamente scritto questa o quella canzone. Nel mezzo Sir Paul ha scritto lettere d'amore come "All my loving", messo in musica la... Continue Reading →

Paura della paura, di Rainer Werner Fassbinder (Rft/1975)

di Girolamo Di Noto In occasione dei 40 anni dalla prematura scomparsa, è giusto e alquanto doveroso rendere omaggio al più radicale e sradicato dei registi tedeschi: Fassbinder. Rispetto a Herzog o a Wenders, Fassbinder non sentì mai la vocazione al vagabondaggio e all'esilio. È stato forse l'unico a costringersi nel perimetro della sua autunnale... Continue Reading →

Veronika Voss, di Rainer Werner Fassbinder (Die Sehnsucht der Veronika Voss/1982)

di Laura Pozzi Nel buio spettrale di una anonima sala cinematografica emerge sullo sfondo la figura imponente e lo sguardo pensieroso di Rainer Werner Fassbinder, mentre sullo schermo scorrono alcuni fotogrammi di un vecchio film con protagonista Veronika Voss (la splendida e lunare Rosel Zech), diva incontrastata durante il Terzo Reich e ora dimenticata. La... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: