Macbeth, di Justin Kurzel (2015)

di Simone Lorenzati Michael Fassbender (Macbeth): "E se dovessimo fallire?" Marion Cotillard (Lady Macbeth): "Noi non falliremo" Esistono opere immortali, in grado di sopravvivere al trascorrere del tempo ed esserne esaltate, in qualunque momento si attinga a queste. Ed esistono poi capolavori letterari di tale portata dal riuscire anche ad ispirare gli artisti successivi, che... Continue Reading →

Il Casanova di Fellini: una necrografia

di Michela Pellegrini Il terreno su cui nasce e affonda le radici Il Casanova di Federico Fellini (1976) è un terreno impervio, difficile da percorrere, dissestato. «A me sembra uno scrittore noioso, che ci ha parlato di un personaggio chiassoso, indisponente, vile, un cortigiano che si chiamava Casanova, un omaccione impennacchiato che puzza di sudore... Continue Reading →

Ballata di un soldato, di Grigorij Čuchraj (URSS 1959)

di Andrea Lilli - Era nostro amico, e vi racconteremo di lui una storia che per intero non sa nemmeno sua madre. (voce fuori campo) Unione Sovietica, seconda guerra mondiale. Nell'inferno della trincea il soldato telefonista 19enne Aleksej 'Alioscia' Skvortsov si ritrova solo. Fugge, braccato da un carro armato tedesco. Sta per essere raggiunto e... Continue Reading →

Ombre e nebbia, di Woody Allen (Shadows and Fog USA/1991)

di Laura Pozzi "L'inganno è così universalmente diffuso, che dire la verità significa farsi tacciare da bugiardi" (Il Volto, Ingmar Bergman) Ombre e nebbia “gioiello” finemente espressionista firmato da Woody Allen nell’antidiluviano 1991 compie trenta lunghissimi anni. Penultima collaborazione al fianco dell’immancabile Mia Farrow, l’opera tra le più sorprendenti, innovatrici e sinistramente profetiche della sua... Continue Reading →

L’enigma di Kaspar Hauser, di Werner Herzog (1974)

di Girolamo Di Noto "Io sono venuto, orfano tranquillo,ricco solo dei miei occhi quieti, verso gli uomini delle grandi città"Paul Verlaine Vladimir Nabokov nelle sue Lezioni di letteratura insisteva molto su un concetto: "La letteratura è invenzione. La finzione è finzione. Definire una storia una storia vera è un insulto all'arte e alla verità". Werner... Continue Reading →

Un serpente di giugno (A Snake of June), di Shinya Tsukamoto (2002)

di Greta Boschetto Un serpente di giugno (A Snake of June, 六月の蛇 Rokugatsu No Hebi) è un film del 2002 diretto da Shinya Tsukamoto con Asuka Kurosawa, Yuji Kohtari e il regista stesso. “Il serpente è quello che tutte le donne hanno in corpo. Una metafora che mi attrae da sempre. Quando penso ad una... Continue Reading →

Sperduti nel buio, di Nino Martoglio (1914)

di Federico Bardanzellu - Sperduti nel buio, uno straordinario film italiano la cui unica copia è andata perduta durante la seconda guerra mondiale Il cinema italiano si è affermato nel mondo grazie a un gruppo di lungimiranti registi che, a guerra mondiale ancora in corso, hanno fondato la scuola neorealistica. Il termine “neorealismo” è stato... Continue Reading →

America oggi (Short cuts), di Robert Altman (1993)

di Bruno Ciccaglione Dopo il grande successo avuto con I protagonisti, Robert Altman può permettersi di tornare all’ambizioso progetto cui aveva iniziato a dedicarsi qualche anno prima: quello di realizzare un film dai racconti di Raymond Carver, il grande scrittore che aveva rivitalizzato la forma del racconto breve, dedicandosi a racconti di vita quotidiana ambientati... Continue Reading →

I soliti sospetti, di Bryan Singer (1995)

di Roberta Lamonica “La beffa più grande che il diavolo abbia mai fatto è stato convincere il mondo che lui non esiste”.(Roger ‘Verbal’ Kint) Locandina Premessa Dopo averlo visto al Sundance Festival nel 1995, Roger Ebert, celebre critico cinematografico statunitense, restò perplesso dall’entusiasmo suscitato da ‘I soliti sospetti’ di Bryan Singer. Lo rivide, armato di... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: