Ciao Omero

Poco fa si è spento Omero Antonutti, e a caldo sento il bisogno di posare un fiore sul suo nome, senza pretendere di farne una corona, un coccodrillo a 360 gradi, come invece giustamente faranno tanti, meglio di me.

Merita ogni omaggio e riconoscimento, questo straordinario protagonista del nostro cinema: doppiatore, attore, anche televisivo e di teatro. Straordinario, unico: tanto impegnato nel mondo della recitazione, dello spettacolo, quanto estraneo alla mondanità di paparazzi e tappeti rossi. Per dire, nella sua vita ha fatto un solo spot pubblicitario, per una compagnia assicurativa. Un viso riconoscibile e popolare come il suo avrebbe fatto soldi a palate, se Omero Antonutti avesse avuto un carattere meno umile e nobile. Un artista riservato sempre al lavoro, visibilmente appassionato al suo mestiere. 

Nato nel 1935 in un paese del Friuli, nel 1966 recita relativamente tardi il suo primo, piccolo ruolo: in Le piacevoli notti, un film di Crispino e Lucignani. Personalmente lo ricordo qui per due cose solamente, tra le tante che ha fatto, le due che avrò sempre nel cuore: il ruolo in Padre padrone (1977) dei Taviani, e la voce narrante in La vita è bella (1997) di Benigni. Tanti altri ruoli, tante altre voci hanno moltiplicato la sua duttilità recitativa, la gestualità dignitosa, il suono caldo e preciso della perfetta dizione. Ma solo per questi due lavori, già ‘solo’ per questi due capolavori, sarà indimenticabile. E non solo per me.

Andrea Lilli

111450254-48cf7de5-e7e4-4efb-ac80-01bbad9cec0b

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: