Elephant, Gus Van Sant (2003)

“Fool, said I, you do not know silence like a cancer grows” (The sound of Silence)

Ed è proprio il silenzio il grande protagonista di questo film asciutto e sconcertante di Gus Van Sant, vincitore della Palma d’Oro al 56esimo Festival di Cannes e ispirato ai fatti della Columbine High School. Lunghi piani sequenza mostrano la vita silenziosa e apparentemente normale di adolescenti comuni di una qualunque scuola della provincia americana. Facce senza voce o quasi; nomi propri che non identificano; lunghi corridoi solitari in cui gli studenti camminano sempre soli, accompagnati da null’altro che l’eco dei propri passi. Ed è proprio nel luogo che dovrebbe fornire gli strumenti per superare le ambasce della crescita che il ‘cancro’ del silenzio e della solitudine inizia a corrodere dall’interno fino a deflagrare in una strage assurda. A Van Sant non interessa investigare le ragioni degli autori della strage; egli filma una giornata ‘la più bella e al tempo stesso la più brutta’, e dimostra come i volti dei carnefici e delle vittime siano sovrapponibili, nomi propri sullo schermo cui il caso ha dato un ruolo piuttosto che un altro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: