Solo gli amanti sopravvivono, di Jim Jarmusch (Only Lovers Left Alive, 2013)

di Corinne Vosa

MV5BNDk2MTAxOTMwOF5BMl5BanBnXkFtZTgwOTY0NzEwMTE@._V1_SY1000_CR0,0,1503,1000_AL_

“Sai che laggiù c’è un diamante delle dimensioni di un pianeta? È una nana bianca con il cuore di una stella. E non è solo uno splendido diamante, ma emette anche il suono di un gigantesco bong.”

Adam (Tom Hiddleston) ed Eve (Tilda Swinton) sono due vampiri sposati da secoli, creature fragili e contemplative alla ricerca di istanti di pura estasi. Vivono di notte e coltivano assiduamente le loro passioni artistiche, cercando di passare il più possibile inosservati; ma a rovinare la loro quiete sarà Ava (Mia Wasikowska) la sorella di Eve.

02

Jim Jarmusch attinge all’iconografia vampiresca, nella sua dimensione di sublimazione poetica della sofferenza e caducità dell’esistenza, per portare sullo schermo l’incanto tenebroso dell’immaginario romantico e i suoi residui nel mondo moderno. A contraddistinguere fin dall’apertura l’estetica del film è un movimento circolare che si riversa nell’atmosfera e negli spazi inquadrati, come un’energia sottile di natura ipnotica, che incarna visivamente l’esperienza percettiva dei protagonisti.

MV5BMTQ1ODYzMzc4MF5BMl5BanBnXkFtZTgwNTY5MDE1MTE@._V1_SX1500_CR0,0,1500,999_AL_

Interessante il valore simbolico che Jarmusch associa al sangue: nutrimento essenziale, ma soprattutto elisir di felicità, pozione inebriante e catartica che genera una sorta di orgasmo sensoriale. Il film è intriso di un elegante erotismo che rispecchia la caratterizzazione aristocratica dei protagonisti, sacerdoti della bellezza, eredi dei valori di un tempo passato. Tra questi ideali il più grande è l’amore, quello di due anime gemelle indissolubili e tormentate, interpretate da due grandi attori britannici non nuovi a questo tipo di personaggi affascinanti e controversi.

MV5BMjA5OTEzNjQ4N15BMl5BanBnXkFtZTgwNDY5MDE1MTE@._V1_SY1000_CR0,0,1502,1000_AL_

Tom Hiddleston impersona il bello e dannato del romanticismo inglese, il misterioso e malinconico uomo Byron, “una canaglia romantica con tendenze suicide”, raffinato musicista amante dell’arte e della scienza. Tilda Swinton è una figura evanescente e aggraziata, sensibile e nostalgica, dalla bellezza androgina e magnetica. Suo mentore un vampiro molto speciale e colto interpretato dal compianto John Hurt.

only_lovers_left_alive

onlyloversleftalive_1

Solo gli amanti sopravvivono (Only Lovers Left Alive) è un film molto personale, al contempo antico e moderno, retro e rock, gotico e jazz. La fotografia è pazzesca, la regia ricercata e sobria. Tanti gli echi alla pittura: da Klimt, Munch, Moreau e i Preraffaelliti .

Il culto dell’antichità si esplicita nell’arte del collezionismo e si contrappone alla mediocrità del presente: se da una parte vi sono le case-santuario dei vampiri, fuori il mondo degli zombie, ovvero gli esseri umani. E diciamolo, le aspettative verso il futuro non sono delle migliori, perché al contrario dei vampiri gli zombie stanno distruggendo il mondo e sono artefici di un’irreversibile contaminazione generale. Qui entra di nuovo in gioco il sangue, che si fa anche metafora di purezza e occasione per sottolineare il degrado umano: il sangue puro scarseggia, ormai è contaminato da sostanze nocive e ripugnanti. Bere sangue umano non selezionato in laboratorio non è solo eticamente sbagliato ma anche poco salutare. Un’analogia con la carne animale e gli antibiotici? Un’eco alle problematiche ambientaliste? Sicuramente sì, dal momento che nella sceneggiatura il tema ecologista emerge prepotentemente.

MV5BMjMxNjAzNTAzNF5BMl5BanBnXkFtZTgwMzU5MDE1MTE@._V1_SX1500_CR0,0,1500,999_AL_

Dunque da una parte abbiamo l’elogio della malinconia romantica dello Sturm und Drang e dell’estetica decadente, dall’altra l’abisso del nichilismo moderno nietzschiano.

Un altro spunto di riflessione è la natura dell’immortalità, che si rivela terreno fertile per una ricerca continua della conoscenza. Più si vive, più si scopre e si entra in contatto con la sapienza di vecchie e nuove culture. E a questo punto forse Jarmusch invisibilmente ci lascia intuire che proprio la cultura e l’arte sono lo strumento magico  per fare esperienza dell’eternità.

MV5BMTY1NDE3NzU0OV5BMl5BanBnXkFtZTgwNTY0NzEwMTE@._V1_SY1000_CR0,0,1503,1000_AL_

Immancabile l’amore per la musica, grande passione del regista. E la musica in Solo gli amanti sopravvivono è sia un tema che una fonte di ispirazione stilistica, che influisce notevolmente sulla forma: il movimento circolare, a cui si accennava all’inizio e che pervade più volte sequenze e inquadrature, coincide con quello del giradischi. La sensazione è che la forma cinematografica si dissolva in quella musicale e che Only Lovers Left Alive sia tanto un film quanto una struggente canzone romantica, una seducente ballata.


 

 

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: