‘Coma Profondo’ (1978), di M. Crichton: tra fantascienza e lotta per la uguaglianza di genere.

di Roberta Lamonica “Prima regola di un crimine: la semplicità” (patologo 1) ‘ Coma profondo’ è un film del 1978 diretto da Michael Crichton, medico ‘prestato’ alla letteratura e al cinema con indiscutibile successo. Ispirato al romanzo ‘Coma’ di Robin Cook, il film di Crichton racconta le peripezie di Susan Wheeler, medico chirurgo presso il... Continue Reading →

Velluto blu (1986), di David Lynch

di Laura Pozzi C’è una scena in Velluto blu - film chiave e per chi scrive capolavoro di David Lynch - che racchiude in modo significativamente poetico/profetico la sua intera produzione artistica. Jeffrey (Kyle MacLachlan) è in macchina con Sandy (Laura Dern) e si interroga sulla stranezza del mondo. Il giovane appena tornato nella ridente... Continue Reading →

La collezionista (1967), di Eric Rohmer

di Laura Pozzi Amori, racconti, proverbi, stagioni. Questa la preziosa e inestimabile eredità lasciata da Eric Rohmer a cento anni dalla sua nascita (21 marzo 1920). Leggiadro e avvolgente come un giorno di primavera il suo cinema non ha mai smesso di interrogarsi sulle mille e complesse sfaccettature dei rapporti umani, offrendo di volta in... Continue Reading →

L’ora del lupo (1966), di Ingmar Bergman

di Laura Pozzi Omaggio a Max Von Sydow (Lund, 10 aprile 1929 – Parigi, 8 marzo 2020) In questi giorni di allarme, confusione e deleteria incertezza un grande del cinema mondiale ha deciso di salutare e togliere silenziosamente il disturbo: Max Von Sydow. Icona intramontabile del cinema bergmaniano (e non solo) reso immortale nonostante la... Continue Reading →

L’esca (1995), di Bertrand Tavernier

di Laura Pozzi L’esca (L’appat) di Bertrand Tavernier è un’opera inspiegabilmente finita nel dimenticatoio. Vincitore a sorpresa (battendo il super favorito Smoke di Wayne Wang) dell’Orso d’oro a Berlino nel 1995, il film uscito nelle sale con divieto ai minori di 18 è divenuto nel tempo un’ invisibile “di lusso” difficilmente reperibile o rintracciabile in... Continue Reading →

Cesare deve morire (2012), di Paolo e Vittorio Taviani

di Laura Pozzi 70 primavere portate divinamente. Apre ufficialmente oggi (20 febbraio – 1 marzo) l’edizione 2020 del festival di Berlino, una delle kermesse cinematografiche più significative della stagione per il suo carattere peculiare e innovativo. Quest’anno poi particolare attenzione e perché no motivo d’orgoglio è la presenza di Carlo Chatrian, (ex direttore artistico del... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑