CYRANO MON AMOUR – IL SOGNO, L’AMOR E L’AUDACI IMPRESE

È il giorno 28 dicembre 1895, a Parigi. Al Théâtre de la Renaissanceun’ormai affermata Sarah Bernhardt sta recitando in “La Principessa lontana”, opera in versi dello sfortunato scrittore e sceneggiatore Edmond Rostand, autore dal grande talento ma poco apprezzato. Un audace movimento di macchina passa in mezzo ai palchi mostrando volti annoiati e persone in procinto di lasciare il teatro. Lo sguardo della macchina le precede in strada, salendo per dare una totale sulla città e inquadrando per pochissimo tempo la Tour Eiffel. Dopodiché riscende velocemente fino a mostrare il primo piano di un manifesto: la proiezione del Cinematografo dei fratelli Lumiére per un pubblico pagante. Quasi a sottolineare il fermento che questa novità sta provocando dappertutto, la macchina entra nella sala e sceglie un posto d’onore per assistere a “L’uscita dalle officine”. È nato il Cinema e una nuova epoca è iniziata.

Questa è la sequenza iniziale e, probabilmente, la più emblematica.Uno straordinario establishing shot che non ammette parole, ma si affida totalmente alle immagini per ambientare geograficamente, storicamente e contestualmente la narrazione. Già da questi primi minuti si avverte che il ritmo del film sarà incalzante e ironico, uno sguardo giovane sul teatro e sui suoi segreti. La storia parla di come Edmond Rostand riuscì a scrivere e mandare in scena in soli 20 giorni un capolavoro come “Cyrano De Bergerac”, partendo solo dal titolo, dalla caratterizzazione del protagonista e dall’ispirazione donatagli da Jeanne, costumista teatrale corteggiata dal suo migliore amico. Il regista, Alexis Michalik, al suo primo lungometraggio riesce già aimporre il suo stile fresco e sprintoso, per sua dichiarazione derivato da una passione per il cinema che dura da tutta una vita. E proprio come un appassionato sceglie di prendere parte al film in carne e ossa, interpretando Georges Feydeau, drammaturgo contemporaneo di Rostand e suo rivale poiché molto più apprezzato e famoso, per quanto meno aulico e virtuoso nei versi.

Molti hanno posto l’accento sulle similitudini con uno dei capisaldi del genere making-of: “Shakespeare in love” di John Madden. Alexis stesso ha ammesso di aver cominciato a pensare a questo progetto dopo aver visto il capolavoro sul drammaturgo inglese, volendo proporre al pubblico la controproposta francese. Ma non si possono che notare anche le grandi differenze: “Cyrano mon amour” non è un film drammatico, non pone il suo accento sulla storia d’amore tra i due protagonisti. È un lavoro giovane e scanzonato, che arriva dritto al cuore e che lascia gli spettatori con una sensazione positiva dovutaal trionfo di tutto ciò che di positivo c’è: trionfa Edmond, passato alla storia; trionfa l’amore; trionfa l’ambizione. Parola chiave è anche desiderio, che muove il protagonista e lo anima, muovendo la sua mano a scrivere versi che solo gli amanti più sinceri pronuncerebbero.

Quello di Alexis Michalik è un lavoro durato più di 15 anni, tra rifiuti, pause e fondi che non si trovavano. Fin quando riuscì a portare in scena la piéce di cui il film è un adattamento: la fortuna a teatro gli diede i mezzi necessari per proseguire con la realizzazione della pellicola, occasione che Michalik riesce a sfruttare nel migliore dei modi.

“Cyrano mon amour” non parla solo della nascita di un’opera immortale. Parla di un sogno: il sogno di Edmond Rostand di essere finalmente riconosciuto per ciò che ama fare e per il suo talento di drammaturgo; il sogno di Alexis Michalik di vedere l’opera che per tanto tempo ha portato nel cuore finalmente realizzata e apprezzata. Ma anche il sogno che tutti abbiamo di poter immaginare un mondo in cui anche alle nostre ambizioni più folli possa essere data la possibilità di diventare reali.

Valentina Longo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: