Gli extraterrestri di ‘Tito e gli Alieni’

Tito e gli alieni, di Paola Randi (2017)

Chi sono gli extraterrestri? Si sa: quelli che prima o poi (ri)sbarcheranno dai dischi volanti, come da tempo previsto all’Area
51, Nevada. O ci credi, o non ci credi. Paola Randi ci crede. Perche’ extraterrestri sono pure coloro che non sono più sulla faccia di
questo pianeta, e di questi ognuno ha i propri.
Dopo “Il bene mio” di Mezzapesa, la rassegna “A tutto schermo” organizzata
dalla Rete degli spettatori nella Regione Lazio, che termina oggi, ci propone un altro film sull’elaborazione del lutto. Stavolta, un racconto leggero e veloce. Due qualità che, volendo cercare sponsor illustri, sono le prime descritte nelle Lezioni americane di Italo Calvino: la leggerezza del poeta che si solleva sulla pesantezza del mondo e della morte, e la rapidità dello stile e del pensiero.

Il film è infatti agile, disinvolto nel mescolare ingredienti assai diversi. Paola Randi –presente in sala – in effetti non è solo una regista: è un melting pot, un calderone umano magmatico in cui coesistono e fondono cose apparentemente incongrue fra loro. Di Venezia e Palermo i genitori, lei milanese ha fatto un film in napoletano e in americano, una commedia pseudofantascientifica sui fenomeni paranormali, in cui si ride e ci si commuove, sulla morte ma divertente, film femminile ma imperniato sui sentimenti di un uomo, ben interpretato da Mastandrea.
In questa fantasmagorica cornice, la trama è quasi banale, per quanto singolare. Uno scienziato napoletano da sei anni vive solo, confinato nei suoi ricordi e nell’Area 51, cercando un contatto interstellare con gli alieni, e uno ancor piu’ improbabile con lo spirito di Linda.
Un giorno gli piombano due nipoti, scomodo làscito del fratello, che
sconvolgono la sua vita solitaria nel deserto, spolverandola e rigenerandola.
Echi di Bagdad Cafè (Out of Rosenheim), più che di The Sixth Sense ed altri film seriosi sulle esperienze occulte.
Dedicato alla memoria del grande chitarrista Fausto Mesolella, coautore della colonna sonora.
Da vedere sgranocchiando popcorn in compagnia di nonni, nipoti o figli.

Andrea Lilli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: