‘Momenti di Trascurabile Felicità’: La salvifica protezione della ‘maschera’ nell’ultimo film di Daniele Luchetti con Pif e R. Carpentieri.

‘Momenti di trascurabile felicità’, (2019), è un film di Daniele Luchetti, con Pif, Renato Carpentieri e Thony.

In una Palermo brulicante di vita e dall’aspetto molto europeo, bella come non mai; in una casa meravigliosa di un palazzo storico, transennato e sempre in manutenzione come la vita di ognuno di noi, vive una famiglia come tante, con una vita frenetica come tante. Fino a quando un incidente spezza la vita di Paolo all’incrocio con un semaforo rosso di troppo.

Per un errore del ‘Centro Smistamento’ sul valore ‘vitale’ delle centrifughe allo zenzero, a Paolo vengono concesse ancora un’ora e trentadue minuti da vivere per dire e fare ciò che non ha mai detto o fatto in precedenza e per dare un senso definitivo al suo passaggio sulla Terra.

‘Ma tu ce l’hai con me?’ ‘No’.

Paolo ha ripetuto questa domanda a sua moglie Agata per tutto il corso della loro vita insieme. E la risposta è sempre stata la stessa: ‘No’.

Paolo e Agata non hanno mai parlato davvero perché forse sono sempre stati consapevoli dell’impossibilità di conciliare finzione e realtà ma soprattutto di definirne i confini.

La struttura narrativa, poetica e misurata, e la regia snella e sapiente di Luchetti rendono la storia godibile e coinvolgente. La trama del film è fluida e la recitazione/non recitazione di Pif ricorda certa recitazione di Nanni Moretti (di cui Luchetti è stato allievo e Francesco Piccolo sceneggiatore).

Quanto Pirandello c’è nel DNA di questo bravo artista siciliano, sornione e disincantato, che riesce a non essere mai banale e a non prendersi troppo sul serio anche quando si parla di morte?

Nella realtà quotidiana gli individui non si mostrano mai per quello che sono, ma assumono una maschera che li rende personaggi e non li rivela come persone. La maschera non è altro che una forma di adattamento in relazione al contesto e alla situazione sociale in cui si produce un determinato evento.

E Paolo è parte marito, parte padre, parte amico, parte amante, parte professionista e ognuna di queste parti vive di vita autonoma per poi rivelare il vero Paolo per l’uomo medio e qualunque che è.

Quindi cosa fare se ti viene data un’altra ora di vita sulla terra prima di morire?

Nulla, se non rivivere in attimi senza tempo i momenti reali di vita, di emozioni, di fallimenti, di incontri, di tradimenti, di condivisione e ritorni che caratterizzano la nostra infinitesima esistenza.

E anche se il caso ci dà un’altra possibilità, non riusciamo ad affrancarci dalle nostre piccolezze, dal nostro essere ‘errori’, come dice Paolo a un certo punto del film. E le nuvolette del suo fiato, del suo respiro, sul vetro freddo di una finestra ci ricordano come la nostra fallacia sia subordinata al nostro essere vivi e quindi conseguenza della nostra finitezza. Messaggio amaro e anche pessimista, se vogliamo, eppure ‘Momenti di trascurabile felicità’ ci insegna che potremmo anche riuscire a strizzare l’occhio a ‘Soli’ di Adriano Celentano sul finale da Mulino Bianco se riusciamo ad accettarci per ciò che siamo.

Un pensiero su “‘Momenti di Trascurabile Felicità’: La salvifica protezione della ‘maschera’ nell’ultimo film di Daniele Luchetti con Pif e R. Carpentieri.

  1. Ho visto l’altroieri il film, mi è piaciuto molto il tono ironico e poetico, diciamo pure “italiano” perché poi ieri, guarda caso ho (ri)visto alla Casa del cinema di Roma un altro film di genere ‘angelico’, anche questo poetico ma molto meno ironico: Il cielo sopra Berlino. Sulle differenze tra angeli italici e teutonici avrei molto da dire, ma una cosa hanno in comune: tutti sono irresistibilmente attratti dal caffè. È il loro primo desiderio terrestre. Certo però che, fra un espresso di bar palermitano e un Cafe acquoso di chiosco ambulante berlinese, la lotta è impari.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...