‘Fortapàsc’ (Italia, 2009) di Marco Risi

di Laura Pozzi

Sulle struggenti note di “Ogni volta”, pezzo fra i più seducenti di Vasco Rossi, il 23 settembre 1985 si spegne la vita, il coraggio e la leggerezza di Giancarlo Siani, l’unico giornalista italiano ucciso dalla camorra. E’ una tiepida serata di inizio autunno quando un ragazzo di appena 26 anni paga con la vita la sua incontenibile voglia di verità, resa ancor più marcata e indelebile dalla scelta di una professione che in Italia a seconda dei casi assume connotazioni più o meno discutibili. Siani nella sua breve esistenza ha evidenziato come pochi la differenza fondamentale che intercorre tra un ‘giornalista giornalista’ e un ‘giornalista impiegato’ e Marco Risi in Fortàpasc ha voluto sottolineare come la parabola seppur drammatica di un ‘giornalista giornalista’ possa rappresentare ancora oggi un barlume di un speranza per chi ancora crede che corruzione, mafia, camorra e ogni forma di malavita organizzata possano trovare resa definitiva con l’ausilio di un’informazione limpida, imparziale, scrupolosamente verificata e attestata. Risi sceglie di raccontare le sue ultime settimane di vita, quando le inchieste sugli appalti truccati per la ricostruzione dopo il terremoto in Irpinia, cominciano a diventare per i camorristi che si spartiscono i traffici illeciti a Torre Annunziata, pericolose e fuori controllo.Siani (un monumentale e impressionante Libero Di Rienzo) è un giovane gaudente, innamorato della sua professione temporaneamente “abusiva” che ogni mattina a bordo della sua Citroen Mehari lo spinge dal Vomero verso quel Fortàpasc in cerca di informazioni utili a smascherare i vari intrallazzi esistenti tra camorra e politica. Siani attraverso le sue indagini è uno dei primi ad aprire un vero fronte anticamorra, divenendo in breve tempo un personaggio scomodo per tutti coloro che gravitano intorno al crimine organizzato. I suoi articoli sono veri e propri fendenti, capaci di squarciare quel muro di omertà costruito dai vari clan, primo fra tutti il boss locale Valentino Gionta. Sarà proprio un articolo sul Mattino pubblicato il 10 giugno 1985 dove denuncia la partecipazione di Totò Riina nell’arresto di Gionta a sancire la sua condanna a morte e ci vorranno 12 lunghi anni e tre pentiti per arrivare ai suoi assassini. Nel ricostruire la vicenda di questo piccolo grande uomo, Risi non tralascia alcuni importanti aspetti della sua vita privata come la mutevole relazione con Daniela, l’amicizia fraterna con Rico e il suo contagioso entusiasmo per tutto ciò che può essere svelato, divulgato, compreso nell’irriducibile speranza di rendere l’Italia un paese diverso, degno di essere raccontato nel miglior modo possibile.Il ritratto di un “puro”, pericolosamente incosciente, armato di penna e block notes determinato ad arruolarsi volontario in una guerra sanguinaria che non fa sconti a nessuno. Ma nonostante ciò Siani non perde la sua leggerezza, la sua disponibilità verso gli altri, la sua allegria. Anche in punto di morte sfiderà i suoi aguzzini regalandogli una smorfia simile ad un sorriso. Ancora una volta Risi conferma la sua particolare affinità con il cinema di denuncia e impegno civile mostrando particolare abilità nel descrivere gli aspetti più cupi ed oscuri di misteri tutti italiani. L’inevitabile isolamento a cui andrà incontro il suo antieroe è ben caratterizzato da una narrazione e una regia audace, capace di creare una tensione degna dei miglior thriller.Basti pensare alla lunga sequenza che precede la cruenta sparatoria che vedrà coinvolta un’incolpevole bambina o l’aggressione popolata da “fantasmi” di cui sarà vittima il giornalista. Il tutto compensato da una splendida sequenza iniziale dove la macchina da presa volteggia libera sopra i tetti di una Napoli crepuscolare, sfondo crudele e sublime di una morte annunciata. Marco Risi realizza uno dei suoi film più significativi e probabilmente più sentiti come dimostra la toccante dedica finale al grande papà Dino.

2 risposte a "‘Fortapàsc’ (Italia, 2009) di Marco Risi"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: