Conferenza stampa con Martin Scorsese. L’incanto di un cinema sul tempo che passa

di Corinne Vosa

20191021_133749

Conferenza stampa di THE IRISHMAN con MARTIN SCORSESE!

Il Maestro ha presentato il suo nuovo attesissimo film. Era da più di vent’anni che Martin e De Niro desideravano tornare a lavorare insieme ed erano alla ricerca del progetto giusto, fino a quando Robert ha letto il romanzo “L’irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa ” rimanendone profondamente coinvolto, un’emozione di cui il suo amico regista ha voluto fidarsi. “The Irishman” è per Scorsese una storia sul tempo, il tradimento, la mortalità, l’amore e il rimorso. Un’opera sul trascorrere del tempo e l’esperienza del vivere. “Un film non deve essere ambientato nel mondo contemporaneo per essere contemporaneo. Ciò che è contemporaneo di per sé è la condizione umana.” I conflitti esistenziali sono atemporali e i grandi autori lo sanno bene. Per quanto concerne la dimensione religiosa è intrinseca nella condizione umana, un tentativo di contemplazione dell’astratto che è inserito nel film . Inoltre Martin definisce la melanconia come “accettazione del fatto che la morte è parte della vita“. Una consapevolezza con cui il personaggio di De Niro dovrà misurarsi.
“Volevo fare un film con i miei amici” ha detto per introdurre la risposta sulla questione spinosa di Netflix, da cui è prodotto The Irish Man. Dal momento che il film si staglia su un arco temporale di decenni bisognava decidere se adoperare per ciascun personaggio due attori diversi (uno giovane e uno anziano) o gli stessi ringiovaniti dagli effetti visivi. Il regista non aveva dubbi, voleva lavorare per tutto il film con gli strepitosi attori che aveva scelto, ma serviva una tecnologia avanzatissima per rendere credibile il loro ringiovanimento. Scorsese ha spiegato che solo Netflix si è offerto di finanziare un film che richiedeva un tale investimento di capitali e gli ha concesso una totale libertà creativa e ben sei mesi di postproduzione per usare la tecnologia sperimentale CGI.Per vedere un film sullo schermo deve essere fatto“. Senza Netflix questo film non sarebbe potuto esistere, Scorsese ne è certo, e teme che se lui stesso avesse iniziato la sua carriera in questi ultimi anni non avrebbe potuto realizzare gran parte dei suoi film. Una critica forte al sistema produttivo di Hollywood e alle sale cinematografiche che devono tornare a sostenere i film d’autore.
Ricordiamo che questo film segna la prima collaborazione tra Al Pacino e Scorsese. I due hanno sempre voluto lavorare assieme ma non era ancora mai capitata l’occasione giusta. È stato lo stesso De Niro a proporre il suo amico e stimatissimo collega Al per questa parte, rendendo felici tutti i fan che desideravano rivedere questi due mostri sacri del cinema recitare nuovamente insieme. E non in un film qualunque, ma nell’ennesimo capolavoro di Scorsese.

Una risposta a "Conferenza stampa con Martin Scorsese. L’incanto di un cinema sul tempo che passa"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: