Judy: schegge di infelicità nella vita di una diva

di Corinne Vosa

MV5BMjc4NDE4NjY2Ml5BMl5BanBnXkFtZTgwMjI3ODcwNTM@._V1_SY1000_CR0,0,667,1000_AL_

” Le vedevo le rughe precoci, e ormai benissimo anche la cicatrice sotto la gola ed ero affascinata da quegli occhi neri, e disperati, in fondo ai quali tremava una disperazione ostinata.” [Oriana Fallaci su Judy Garland]

Fin dalla prima sequenza Judy rivela un’ intensità che emoziona e ferisce, una capacità di raccontare con dolcezza e sincerità il dramma interiore di una donna costretta fin dalla prematura età a vivere nella finzione. Il film si sofferma sugli ultimi anni di vita della cantante, la maternità e il periodo della tournée di Londra, ultimo momento di gloria dopo anni di oscurità; ma è anche intervallato ricorrentemente dai flashback dell’inizio della sua brillante e altalenante carriera.

95934_ppl

È stata la ragazza della porta accanto, la bambina di tutti. Una creatura ideale e innocente amata follemente, la Dorothy Gale de Il mago di Oz. Solo che Hollywood non era Oz, ma un carcere dorato e fatiscente con cibo di plastica e materiali di scena a cui potersi avvicinare a malapena. Un luogo ostile di ossessioni e mancanza di libertà, un teatro della manipolazione che rubò a Judy Garland la sua infanzia e spensieratezza e la trasformò in una stella fragile e sola. Sempre nel libro inchiesta di Oriana Fallaci “I sette peccati di Hollywood” la Garland afferma: Sa, ci sono pillole per ogni cosa in America, anche per sentirsi felici: ma quelle con me non hanno mai funzionato.“

MV5BMGNhMzY0OGMtZWU5Yy00MWNhLWIwNDgtNjM1YjAzNDA1NzE5XkEyXkFqcGdeQXVyMTkxNjUyNQ@@._V1_SY1000_SX1500_AL_

Renée Zellweger la interpreta sublimamente, incarnandone con una sensibilità incantevole vizi e paure. Si immedesima in Judy anche adottando il suo atteggiamento corporeo, portando continuamente le spalle in avanti proprio come era tipico della star, affetta da un problema alla spina dorsale che influiva sulla sua postura facendola apparire negli ultimi anni più vecchia di quanto fosse realmente. Un’interpretazione indubbiamente da Oscar e che segna il lucente ritorno di Renée nel cinema d’autore. Non si possono non lodare le sue performance canore nel film, quasi tutte eseguite in presa diretta; un momento magico e indimenticabile è l’esecuzione di Over The Rainbow, dove l’emozione che spezza la voce della protagonista travolge anche noi spettatori.

MV5BMTQwYjcyNmQtYTAzOS00ZmNkLWIwOGMtZGE1YjU0MDc2Zjc3XkEyXkFqcGdeQXVyNjg2NjQwMDQ@._V1_SY1000_SX1500_AL_

Judy è un film intimo e travolgente, il ritratto di una donna reale e non la diva idealizzata da Hollywood. La sceneggiatura è basata per lo più sul materiale storico e letterario dedicato all’attrice, ma sono inseriti anche degli episodi fittizi come la cena con i suoi fan, un’occasione toccante, delicata e verosimile per inserire il tema del rispetto verso i diversi.

MV5BYmE0OTE5NWItMGYyZi00MzUxLWFjN2QtYzBkZGRjZGVmMGFmXkEyXkFqcGdeQXVyNjg2NjQwMDQ@._V1_SY999_SX648_AL_

Il film di Rupert Goold  non punta ad evidenziare la propria regia con soluzioni originali e virtuosistiche, ma piuttosto sembra adoperarsi per dare risalto all’attrice protagonista e ai dialoghi, assicurando comunque una cura formale elegante e incisiva.

DSCF0831.RAF

Judy morì solo sei mesi dopo gli eventi del film, a quarantasette anni, per un’intossicazione dovuta alll’ingestione eccessiva di barbiturici, da cui era notoriamente dipendente. Non c’è nessun lieto fine, solo un ultimo grido rivolto a noi: “Non vi dimenticherete di me, vero?! Promettetemelo!” No, non ti dimenticheremo Judy. È una promessa.

 

 

 

Una risposta a "Judy: schegge di infelicità nella vita di una diva"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: