Shell, di Scott Graham (2012)

di Nicole Cherubini - Alla sua opera prima, Scott Graham dirige un coming of age doloroso, malinconico eppure non rassegnato, capace di non chiudersi in sé stesso e di aprire alla sua protagonista una via alternativa, più luminosa.

FLORENCE di Stephen Frears, Usa (2016)

di Simone Lorenzati “Non importa avere grande talento ma saper sognare in grande” Siamo nella New York del 1944, e l’ereditiera Florence Foster Jenkins è una gran signora ben inserita nei salotti dell’alta società della City. Amante dell’arte, soprattutto innamorata della musica, con il marito e manager St Clair Bayfield, organizza performance canore a cui... Continue Reading →

L’arma dell’inganno – Operation Mincemeat, di John Madden (UK 2021)

Nel 1943 un cadavere dirottò le forze naziste e salvò la pelle di migliaia di soldati durante lo sbarco alleato in Sicilia. L'Operazione Carne Tritata sarebbe stata la prima, avvincente trama di spy story imbastita dalla fantasia di Ian Fleming, futuro padre di James Bond, mentre lavorava nel controspionaggio (MI5) della Royal Navy.

E… ora qualcosa di completamente diverso (UK 1971), di Ian MacNaughton

di Andrea Lilli - Il primo lungometraggio del gruppo Monty Python conta oltre cinquanta primavere ma non ha perso nulla della sua carica comica. Ci è tornato in mente per la sua geniale barzelletta più divertente del mondo, soluzione perfetta e disarmata per annientare gli eserciti più virulenti. L'attenzione sarcastica sul mondo militare è frequente... Continue Reading →

Ragazze (Career girls), di Mike Leigh (Gb/1997)

di Girolamo Di Noto - Ragazze di Mike Leigh è la storia di un'amicizia, una commedia dolente e al tempo stesso ironica sul tempo che passa, un viaggio nei ricordi caratterizzato da amare consapevolezze, disillusioni e nostalgie in cui ad emergere come unica certezza è il legame stretto, fedele tra le due ragazze, il fatto di poter contare l'una sull'altra, di condividere dolori e risate, successi e fallimenti.

Belfast, di Kenneth Branagh (GB 2021)

di Laura Pozzi Durante la visione di Belfast si ha come l’impressione di sfogliare un vecchio album di foto, dove i ricordi prendono il sopravvento e la nostalgia pervade ogni singola istantanea caduta sotto i nostri occhi, magari un poco lucidi per l’emozione che non siamo riusciti a trattenere. Succede che superata una certa età... Continue Reading →

SHAME, di Steve McQueen (UK, 2011)

di Tristana Telesco Nichilismo esistenziale, dipendenza, il sesso come unica forma di comunicazione, sfogo meccanico per rapporti depersonalizzati in cui il coinvolgimento emotivo è impossibile e l'intimità bandita. Un film straordinariamente esistenzialista, l'animo umano scandagliato soprattutto con la mera potenza delle immagini, la nudità del protagonista sia fisica che psicologica: il corpo nient'altro che lo... Continue Reading →

Breve incontro, di David Lean (GB 1945)

di Andrea Lilli - Questo piccolo grande film inglese del 1945 è una delle più memorabili storie d’amore mai viste sul grande schermo. Fu il primo successo internazionale di David Lean, in seguito reso celebre da produzioni molto più impegnative, come Il ponte sul fiume Kwai (1957), Lawrence d’Arabia (1962) e Il dottor Živago (1966).... Continue Reading →

L’ombra delle spie, di Dominic Cooke (2020)

di Donaldo Acciaccarelli L'ombra delle spie (The Courier) è una prima visione molto interessante disponibile sul servizio on demand di Sky.Il film si ispira a vicende che si sono svolte tra il 1960 e la crisi dei missili di Cuba conclusasi alla fine del 1962 con protagonisti Greville Wynne, un uomo d'affari britannico reclutato dall'MI6... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: