Colazione da Tiffany (Usa/1961), di Blake Edwards

di Girolamo Di Noto È sempre esistito un rapporto stretto, una relazione amorosa tra gli spettatori e le star del cinema. Chi guarda desidera, per un attimo si solleva, si distoglie dalla vita quotidiana, dal frastuono del mondo. Sogna, arriva in certi casi persino a plasmare la propria identità in relazione alle immagini che scorrono.... Continue Reading →

‘Piccole Donne’ di Greta Gerwig: speranze e disillusioni della giovinezza

di Corinne Vosa 'Io non ho paura delle tempeste perché sto imparando come governare la mia barca.' È in fondo in queste parole della propria scrittrice Louisa May Alcott l'essenza di Piccole Donne, un racconto di formazione toccante e incisivo nella sua semplicità e delicatezza femminile. Una delle storie più famose della letteratura mondiale, seguita... Continue Reading →

Il fantasma e la signora Muir (Joseph L. Mankiewicz, 1947)

Di A.C. Lucy Muir (Gene Tierney) è una giovane vedova che decide di sfidare le convenzioni trasferendosi con la figlia Anna in una casa sul mare e abbandonando il tetto di suocera e cognata, con estremo stupore e disappunto di quest’ultime.Giunta nella nuova dimora, si confronta con la scioccante scoperta di un fantasma tra le... Continue Reading →

‘L’attimo fuggente’ (Dead Poets Society), di Peter Weir (USA, 1989)

di Andrea Lilli https://www.youtube.com/watch?v=f7ZvROmGrKE --- E' proprio quando credete di sapere qualcosa, che dovete guardarla da un'altra prospettiva. Solo nei sogni gli uomini sono davvero liberi.  --- Come vola il tempo... Sono passati già cinque anni dalla scomparsa di Robin Williams; trent'anni da questo film, che più degli altri ce lo ha fatto apprezzare; cinquant'anni... Continue Reading →

Ninotchka (Ernst Lubitsch, 1939)

Di A.C. Tre agenti sovietici vengono inviati dal proprio governo a Parigi per rivendere i gioielli appartenenti ad una nobildonna esiliata dopo la Rivoluzione russa e residente nella capitale francese. Il conte Leon, amante della nobildonna, viene incaricato di intercettare e bloccare la trattativa. A sua volta il governo russo invia a supporto dei tre... Continue Reading →

‘Un posto al sole’ (1951), di G. Stevens

Chaplin parlò del ritratto veritiero reso nel film di Stevens dell’America dell’epoca. E l’America dell’epoca ha lo sguardo dolce e il cuore gelido di George. Difficile per i detrattori del sogno americano ravvisare sotto la melassa della storia d’amore sfortunata, la “deeply moving story of ill-fated young love!” la profonda critica al tarlo che stava corrodendo le nuove generazioni.

Biancaneve e i sette nani (1937), prodotto da Walt Disney. L’inizio della leggenda.

di Fabrizio Spurio “Biancaneve e i sette nani” film capolavoro e pilastro del cinema, non soltanto d’animazione. Esempio di come l’arte poteva essere concepita come elemento di intrattenimento e creatrice di emozioni. La sfida di Walt Disney era fare in modo che il pubblico si potesse affezionare a personaggi disegnati e di fantasia. Farli sembrare... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: