‘Parasite’ (2019), di Bong Joon-ho.

di Roberta Lamonica

“Questo film è: una commedia senza clown, una tragedia senza cattivi… un tuffo a capofitto giù dalle scale. Siete tutti invitati in questa tragicommedia innarrestabilmente feroce”

(Bong Joon Ho)

Scale che scendono sempre più in basso incontrano cavi aerei e arrivano lì, dove il mondo si vede dalle finestre di un seminterrato e tutto ciò che si vede del mondo serve a eliminare parassiti molesti o ad annegarli nell’urina di un ubriaco qualunque.

Chi può vivere in un luogo del genere? I parassiti che si vogliono fumigare e un’umanità invisibile, quella rappresentata dalla famiglia Ki-Taek.

Bong Joon-ho porta all’estremo il contrasto sotto/sopra, ombra/luce, stretto/ampio, povero/ricco e lo applica a un tema a lui caro: la lotta di classe e le sue conseguenze disperate.

E per fare ciò crea una connessione immediata tra lo spettatore e i protagonisti del film, fin dalle primissime scene.

I Ki-Taek cercano il Wi-Fi gratis, cercano di connettersi, di essere parte, di essere adeguati, esattamente come chiunque altro nel mondo contemporaneo.

Un caso fortunato fa sì che il ‘mondo di sotto’, quello dei Ki-Taek, incontri il ‘mondo di sopra’, quello dei ricchi e borghesi Park. Il rapporto che si crea tra le due famiglie è chiaramente parassitario ma non in modo unilaterale. Anche i Park, in definitiva, sono dei parassiti, esseri che vivono sul mondo borghese di cui fanno parte e di cui riproducono stilemi e cialtronerie. La costruzione perfettamente geometrica di Bong Joon ho in ‘Parasite’ fa sì che i rapporti tra i membri delle due famiglie sembrino costruirsi secondo sottomultipli di 4, e cioè 2, considerato nella sua natura di numero primo non ulteriormente divisibile. Si creano così ‘coppie’ anomale in cui i diversi protagonisti trovano forzatamente una connessione in un angolo della vita di un membro dell’altra famiglia. È quando la coppia perde stabilità, quando la coppia si separa e l’equilibrio si rompe che la follia esplode incontrollabile.

Commedia nera, incursione nello Splatter ma soprattutto satira sociale, Parasite ha il proprio fuoco tematico e stilistico proprio nel concetto di ‘scala’. Ma può quella scala così simbolica, così ‘metaforica’, scendere ancora più giù? Può il seminterrato non essere il punto più basso della parabola dell’esistenza di un uomo?

Il cineasta sudcoreano dirige un film stilisticamente unico, con movimenti di macchina sontuosi, scene costruite in modo perfetto e un montaggio impeccabile. Gli spazi di Villa Park senza apparenti segreti, con le vetrine che restano lì, mute testimoni di una ricchezza che cambia gusti e protagonisti ma che racconta sempre la stessa storia; la musica lirica, la cultura superficiale e pressappochista; un omaggio al nostro pop che arriva inaspettato come un fulmine a ciel sereno.

Ma al di là di tutto ciò (se non bastasse) ciò che colpisce è l’assoluta originalità nel riproporre un tema ormai classico nella settima arte: la lotta di classe e le sue implicazioni sul piano emotivo e relazionale. Le dinamiche interne alla famiglia Ki-taek ricordano quelle della famiglia di ‘Un affare di famiglia’ di Kore’Eda o i doppi di ‘Us’, di J. Peele ma anche i ‘Brutti, sporchi e cattivi’ del nostro Ettore Scola.

Ma In ‘Parasite’ si avverte una istanza ulteriore: l’urgenza di ‘essere adatti’, ‘di essere altro’ da ciò che si è, a un livello più profondo di quello meramente economico. I ricchi riconoscono fin da piccoli l’odore dei poveri, l’odore di muffa e umidità, di cibo scadente, di ‘metropolitana’, di detersivi dozzinali, di disperazione.

E di fronte a questo si può solo pensare a un ‘piano’, termine che ricorre nel film e che rimanda a un sistema organizzato, spesso per la sopravvivenza, tipico delle forme di vita più evolute. L’unico modo per uscire dalla condizione di ‘parassiti’ ed essere riconosciuti come esseri umani.

Bong Joon-ho ci regala una perla meravigliosa, un gioiello inserito in una struttura circolare che ci incuriosisce, ci diverte ma poi ci spiazza e ci addolora perché, intanto, noi ci siamo ‘connessi’ e vorremmo tanto che il film finisse appena una scena prima. Per poterci alzare senza che la commozione ci tenga lì, inchiodati alla poltrona, chiedendoci come l’Homo possa essere arrivato a tanto… con il desiderio di interrompere quella ‘connessione’ e di perdere, finalmente, quel segnale. Per tornare a essere piccoli insetti, sì, parassiti, anche… ma non fantasmi senza anima, ologrammi della nostra stessa esistenza.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: