Venezia 76: ‘La Vérité’ (2019), di H. Kore’Eda

di Luca Graziani 'La vérité' (2019), scritto e diretto da Hirokazu Kore'eda è il primo film del regista giapponese a non essere girato nella sua lingua. Con Catherine Deneuve, Juliette Binoche e Ethan Hawke. Film delicato, dall’atmosfera francese ma di regia giapponese. Hirokazu Kore'Eda apre il 76esimo Festival del Cinema di Venezia con la sua... Continue Reading →

La sposa in nero – Quando la Nouvelle Vague incontrò il Noir  

di Mauro Valentini Sono passati più di cinquant’anni da quel matrimonio. Un’unione storica quella che fu tra l’arte del regista di culto francese, Francois Truffaut e il romanziere americano Cornell Woolrich, scrittore molto amato da un certo Alfred Hitchcock. “La sposa in nero” (La mariée était en noir) spiazzò la critica e il pubblico che... Continue Reading →

‘L’ultima ora’, sintesi inedita di dramma adolescenziale e coscienza ecologica raccontata da un thriller.

di Luca Graziani In un esclusivo collegio francese c’è una classe speciale formata dagli studenti migliori del paese,  superdotati e precoci nell’apprendimento. Sotto gli occhi di questi ragazzi fuori dal comune accade qualcosa di altrettanto singolare, inquietante ma non del tutto inaspettato. Il loro insegnante durante la lezione è in piedi su una sedia in fondo all’aula. Alle... Continue Reading →

‘Un cuore in inverno’: il cinema sussurrato di Claude Sautet

di Laura Pozzi Leone d’argento alla Mostra del Cinema di Venezia nel 1992, Un cuore in inverno rappresenta una seconda meritata giovinezza (intensamente vissuta anche nel successivo e splendido Nelly e Mr. Arnaud) nella variegata e sempre pregevole filmografia di Claude Sautet, un autore atipico, controcorrente dotato di una lucida e ostinata consapevolezza nel voler... Continue Reading →

Wolf call, il divorzio del cinema francese dalla commedia. 

di Luca GrazianiRiscoprendo le orme perdute di Besson, il cinema francese torna a puntare sulle grandi produzioni. "Wolf call - minaccia in mare aperto" è un ambizioso thriller bellico ad alto budget. 23 milioni di dollari per un film che non solo cerca di avvicinarsi agli standard d’oltreoceano a cui il pubblico è abituato, ma si guadagna di diritto un posto tra... Continue Reading →

‘Le vacanze di Monsieur Hulot’: il tratto sottile della gentilezza

di Roberta Lamonica “Tutta la sua vita è un continuo succedersi di disgrazie fortunate o di fortune disgraziate”. (Sergio Tofano, in arte Sto su Bonaventura) Le vacanze di Monsieur Hulot è un film di Jacques Tati del 1953. Non è una pellicola in cui si ride in modo fine a se stesso ma è una commedia del ricordo, della... Continue Reading →

‘Les miserables’ di Ladj Ly: la favola dell’integrazione

di Luca Graziani "Non ci sono né cattive erbe né uomini cattivi. Ci sono solo cattivi coltivatori". Si conclude così Les miserables di Ladj Ly, con una delle più celebri citazione dal capolavoro di Victor Hugo dal messaggio inequivocabile. Nato e cresciuto proprio nella banlieue parigina, il regista Ladj Ly segue le orme del grande scrittore e sceglie di ambientare... Continue Reading →

’La prima vacanza non si scorda mai’: l’amore ai tempi di Tinder

di Laura Pozzi Non è facile trovare sul finale di stagione pellicole particolarmente interessanti, è sovente imbattersi in sonnacchiose distribuzioni cinematografiche atte a proporre prodotti considerati il più delle volte "fondi di magazzino". Per fortuna non è sempre cosi e a dimostrazione di ciò arriva in sala dal 20 giugno "La prima vacanza non si... Continue Reading →

Les Mépris, di Jean-Luc Godard (1963)

di Roberta Lamonica. Les Mépris (1963), di Jean-Luc Godard. Tratto dal romanzo ‘Il Disprezzo’ di Alberto Moravia. Con Michel Piccoli, Brigitte Bardot, Fritz Lang (nella parte di se stesso), Jack Palance, Giorgia Moll. Musica di Georges Delerue. Nella versione originale di 'Les Mépris' si possono sentire i più originali titoli di testa della storia del... Continue Reading →

Guardato a vista: il polar perfetto del multiforme Claude Miller

di Laura Pozzi Regista misconosciuto e in parte riscoperto dopo la scomparsa avvenuta nell'aprile 2012, Claude Miller ha attraversato la storia del cinema in punta di piedi, lasciando a bordo campo inutili orpelli a favore di una poliedricità espressa sempre ad altissimi livelli. Discendente spirituale di François Truffaut (dal quale erediterà poco prima di morire... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: