‘Piano… piano dolce Carlotta’: ritorno sul luogo del delitto.

di Fabrizio Spurio Dramma dalle forti atmosfere gotiche del 1964, ‘Piano piano, Dolce Carlotta’ replica i temi e il successo del regista Robert Aldrich che aveva già firmato il precedente “Che fine ha fatto Baby Jane”. Bette Davis interpreta il personaggio di Carlotta Hollis, ricca ereditiera zitella che vive nella sua casa coloniale isolata della... Continue Reading →

‘Che fine ha fatto Baby Jane?’ (1962), di R.Aldrich: scontro tra due stelle.

di Fabrizio Spurio Nel 1962 esce nei cinema statunitensi un’opera intensa, sia dal punto di vista tecnico che artistico. E intensa è anche la trama della pellicola. “Che fine ha fatto Baby Jane?” è un thriller psicologico spietato e crudele, che porta sullo schermo Bette Davis e Joan Crawford nei rispettivi ruoli di Jane e... Continue Reading →

‘Eva contro Eva’ (1950), di Joseph L. Mankiewicz

di Roberta Lamonica   “Allacciate le cinture! C’è aria di burrasca!” (Margo Channing) ‘Eva contro Eva’ è un film del 1950, diretto da J. L. Mankiewicz, cineasta colto e raffinato -come si evince anche dalla sceneggiatura estremamente curata ed elegante- fratello del celebratissimo H. Mankiewicz, co-sceneggiatore, fra l’altro, di ‘Citizen Kane’, di O. Welles. Ispirato... Continue Reading →

‘Le catene della colpa’ (Usa/1947), di J. Tourneur

di Girolamo Di Noto Atmosfere fosche, venate di suggestioni espressioniste, ombre inquietanti che scavano volti e sembrano proiettare i sentimenti dei personaggi. Gangsters, detective disillusi, dark lady seducenti: è il mondo del Noir, affascinante e pericoloso, un mondo buio in cui l'inesorabilità del destino si compie in un clima di mistero e fatalità. Tratto dal... Continue Reading →

‘Fronte del Porto’ (1954), di E. Kazan.

di Roberta Lamonica ‘Non credo che nessuno in un film abbia mai rappresentato rabbia, confusione e tormento più onestamente e senza protagonismi, di Marlon Brando’ (R. Osborne) ‘Fronte del Porto’ (1954) è un film di E. Kazan con M. Brando, R. Steiger, K. Malden, L. Cobb e E. M. Saint. Nominato per dodici premi Oscar, ne vinse otto fra cui miglior attore protagonista (M.Brando),... Continue Reading →

‘Le vacanze di Monsieur Hulot’: il tratto sottile della gentilezza

di Roberta Lamonica “Tutta la sua vita è un continuo succedersi di disgrazie fortunate o di fortune disgraziate”. (Sergio Tofano, in arte Sto su Bonaventura) Le vacanze di Monsieur Hulot è un film di Jacques Tati del 1953. Non è una pellicola in cui si ride in modo fine a se stesso ma è una commedia del ricordo, della... Continue Reading →

‘Spettacolo di varietà’(1953), di V. Minnelli

di A. C. Spettacolo di varietà' (The band wagon) rappresenta uno dei vertici del genere musical americano. Betty Comden e Adolph Greene scrivono una sceneggiatura che racconta satiricamente il ‘dietro le quinte’ di Broadway e la pretesa di alcuni registi di vestire di inutili e decontestualizzati cerebralismi la struttura e la vocazione essenzialmente leggere e... Continue Reading →

Nato il 4 luglio: più le cose cambiano, più restano le stesse

di Laura Pozzi Nato il 4 luglio, pellicola realizzata nel 1989 da Oliver Stone, è una delle opere più incisive e feroci sulla guerra del Vietnam e rappresenta il punto di svolta nella carriera artistica di Tom Cruise, considerato fino a quel momento novello idolo per ragazzine e interprete di film almeno qualitativamente non memorabili.... Continue Reading →

La danza delle streghe

di Fabrizio Spurio Nel 1977 esce nei cinema italiani il nuovo lavoro di Dario Argento. “Suspiria” è il titolo che segna un cambiamento totale nello stile del regista, cambiamento che era già in embrione nel precedente “Profondo rosso”. Con “Suspiria” Argento decide di gettarsi nel cinema totale. Non c'è più una trama da seguire, una... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: