C’eravamo tanto amati, di Ettore Scola (1974)

di Roberta Lamonica

Vincerà l’amicizia o l’amore? Sceglieremo di essere onesti o felici?

(Gianni Perego)

Stefano Satta FLores, Stefania Sandrelli e NIno Manfredi

Premessa

“C’eravamo tanto amati”. “Chi? E soprattutto, quando?” Ettore Scola costruisce la narrazione della vita di tre amici nell’arco di trent’anni di storia d’Italia non in un passato cristallizzato o finito ma in un tempo imperfetto, incompleto e incompiuto e che proprio per questo finisce con un grande ‘boh!’. Un film amatissimo anche all’estero, talmente apprezzato in Francia da vincere un César e rimanere in programmazione in alcune sale cinematografiche parigine per ben due anni; un fulgido esempio di quanto un’opera possa superare i confini del tempo e restare sempre attuale, perché in realtà ancora oggi, e forse più di allora, siamo quel Paese perennemente in bilico tra nevrosi e voglia di riscatto. Per molti il capolavoro di Ettore Scola nell’intendere il cinema come arte popolare ma anche impegnata a risvegliare le coscienze della gente attraverso un caleidoscopio di emozioni che vanno dalla risata, alla riflessione sino al pianto, C’eravamo tanto amati è un capolavoro irrinunciabile per ogni amante del Cinema, in cui Scola mette in scena un’opera ambiziosa, narrativamente sfrenata e tecnicamente spericolata mentre smaschera impietosamente l’illusorietà di quei valori di unità che avevano alimentato la nostra Resistenza.

Antonio, Nicola e Gianni sono stati partigiani e compagni sulle montagne alpine durante la Resistenza. Finita la guerra ognuno torna alla propria vita di prima, con il proprio carico di speranze ed entusiasmo.

Gianni (V. Gassman), determinato e idealista, continua gli studi di giurisprudenza e diventa avvocato; Nicola (S. Satta Flores), intellettuale rivoluzionario, torna al suo paese e diventa insegnante in un liceo; Antonio (N. Manfredi), mite e onesto, riprende il suo posto come portantino all’ospedale S. Camillo di Roma.

Proprio all’ospedale Antonio  incontra Luciana (S. Sandrelli), giovane aspirante attrice venuta dal nord a cercare fortuna nella capitale.

Manfredi e Sandrelli allo loro prima uscita

Luciana, personificazione di un’Italia che si sta cercando

Luciana è il personaggio centrale intorno al quale ruota e si snoda l’evoluzione dell’amicizia dei tre amici e nucleo simbolico imprescindibile del film. Perché Luciana personifica quell’Italia che i tre hanno sognato e contribuito a creare e di cui ognuno vede l’aspetto a lui più vicino. Luciana compare nella storia all’ospedale, fragile e affamata, in mezzo ai resti umani di due guerre. Lei è la nuova repubblica, appena uscita dal referendum costituzionale, nella quale si rispecchiano quegli italiani che cercano operosamente di ricostruire e costruire la propria nuova vita post bellica, nella piena fiducia delle istituzioni, e dei quali Antonio è il massimo rappresentante.

Ma Luciana viene sedotta dal fascino di Gianni l’idealista, parte di quella schiera di onesti che “se gli capita l’occasione diventano più mascalzoni dei mascalzoni veri”. E il fascino di Gianni fa presa su Luciana come il fascino del compromesso seduce la politica italiana da cui, a sua volta, ben presto Gianni si fa sedurre.

E il tradimento di Luciana verso Antonio si configura come il tradimento del Paese nei confronti del proprio popolo, attratto dal fumo ingannevole del potere e del denaro. Un potere che ha il volto di una borghesia crassa, unta e ignorante; il volto tragico e grottesco di Romolo Catenacci (un immenso Aldo Fabrizi) e della sua famiglia, composta da nostalgici fascisti, palazzinari che intonano l’inno nazionale all’arrivo della porchetta, vessillo davanti al quale festeggiare con politici e prelati conniventi ogni volta che si gettano le fondamenta di un nuovo palazzo e di un nuovo insulto all’onestà di un popolo intero.

Vittorio Gassman e Aldo Fabrizi

C’eravamo tanto amati…tra nuovi ricchi, tradimenti e fallimenti

Non è difficile riconoscere nella famiglia Catenacci i tratti che saranno propri della famiglia Mazzatella di ‘Brutti, sporchi e cattivi’; senonché Romolo Catenacci ancora crede nella possibilità di una mobilità sociale che consenta alla sua famiglia -tramite il matrimonio di sua figlia Elide (Giovanna Ralli) con Gianni- di far coincidere potere economico e status socio-culturale. Nel film successivo di Scola, invece, i protagonisti saranno maschere tragiche legate al verismo della loro rappresentazione e della loro condizione.

Luciana, l’Italia traditrice e tradita, prova a trovare rifugio tra le braccia di Nicola portatore di istanze di un rinnovamento a Sinistra che alla lunga si dimostrerà inadatto a interpretare i cambiamenti della società e i suoi reali bisogni.

E proprio quando il film sembra aver portato ognuno in una diversa direzione (bellissima la ripresa dall’alto che idealmente divide il film in due parti con Antonio e Nicola che si separano e la mdp che scende a inquadrare un madonnaro intento a dipingere una madonna con bambino che gradualmente si colora e colora il film), ecco che giunge una nuova consapevolezza.

Luciana, la nostra Italia personificata, non è madonna ma madre e capisce che la via da seguire è quella di un compromesso che rinunci agli ardori della rivoluzione, rifugga dalle lusinghe di un potere corrotto e si nutra invece della condivisione e del senso di appartenenza comune a una folla silenziosa e resiliente. Lo sguardo malinconico di Luciana denuncia la delusione di una nazione che ha abdicato alle proprie speranze e aspirazioni e si è rassegnata a un ruolo marginale nella lotta per i propri diritti.

La consapevolezza del fallimento fa piangere disperatamente Nicola ‘credevamo di cambiare il mondo e invece il mondo ha cambiato noi e  isola nella ‘solitudine dell’uomo ricco, perché raro’, Gianni.

Ed è qui che forse c’è una flebile speranza per l’orgoglio di una nazione. “Per tutti questi anni io non ho fatto che pensare a te“, dice Gianni. “Ma io no!”, risponde Luciana, con un sorriso conscio e malinconico. L’Italia è andata avanti, oltre la blandizie del potere, oltre lo svilimento degli ideali politici e reclama il diritto all’istruzione per tutti come momento irrinunciabile per la crescita di una nazione.

C’eravamo tanto amati e l’omaggio di Scola al Cinema italiano

C’eravamo tanto amati è un omaggio emozionante al cinema italiano citato in tutti i modi e visto come insieme di momenti emblematici  dei cambiamenti di un paese nel ‘suo farsi’.

Antonio a Trinità dei Monti

Bellissima la difesa di Ladri di Biciclette nel cineforum di Nocera Inferiore da parte di Nicola: “Nocera è Inferiore perché ha dato i natali a individui ignoranti e reazionari come voi tre!” e la citazione alla famosa critica mossa da un giovane Andreotti a ‘Umberto D.’, di Vittorio De Sica e al bisogno di ‘lavare i panni sporchi in casa’.

Entusiasta l’omaggio a ‘La corazzata Potemkin’ con una vera e propria rievocazione della scena della carrozzina che cade dalla scalinata di Odessa.

Splendida la riflessione operata da Elide sull’incomunicabilità e sul cinema di Michelangelo Antonioni con le sequenze de ‘L’Eclisse’ e dei primi piani di una elegante e raffinata Monica Vitti, modello estetico cui Elide si ispira e specchio della propria situazione sentimentale.

Una splendida GIovanna Ralli

Elide è il personaggio tragico per eccellenza nel film, agnello sacrificale e sacrificato sull’altare di un’ascensore sociale che blocca ognuno al piano di partenza, destinata a un crudele destino di oblio e disamore. E ancora l’omaggio a Fellini e la ‘La Dolce Vita’ durante la famosa scena del bagno di Anita Ekberg nella Fontana di Trevi e poi Cinema che diventa presenza fisica durante la proiezione di ‘Schiavo d’amore’, per cui il film diventa espediente narrativo per il doppiaggio mentale che veicola i pensieri più segreti di Antonio e Luciana.

E infine la presenza inquietante e profetica della televisione nella sua veste più popolare con Mike Bongiorno e ‘Lascia o raddoppia’. Il dramma dell’intellettuale Nicola di fronte all’ambiguità e superficialità del messaggio televisivo e all’incapacità della televisione di comprendere la dialettica tra finzione e realtà operata invece dal cinema. La televisione si pone per Nicola come il cinema si poneva per Pirandello all’inizio del secolo, ’ibrido gioco’ senza autenticità.

Mike Bongiorno

Conclusioni

‘C’eravamo tanto amati’ è il film con cui la commedia all’italiana raggiunge il suo punto di massimo splendore, in cui convivono in una stratificazione incredibile di registri stilistici e comunicativi trent’anni di Storia d’Italia raccontati attraverso la storia di personaggi comuni, dalle piccole storie individuali che però, come disse lo stesso Scola ”solo in apparenza subiscono i fatti della storia. Essi possono vivere più scomodamente, in stato di allarme e di tensione, possono anche essere uccisi ma dal punto di vista filosofico, fisiologico e etico è l’uomo che ne esce vincitore: è l’uomo che è importante, non i Napoleoni”. Un film che non ha mai smesso di dire ciò che deve dire, perché parla al nostro Paese e allo specifico italico, al nostro modo di cadere e rialzarci, acciaccati, rotti, sbagliati ma di restare comunque in piedi di fronte alle asperità della vita. In qualche modo.

C’eravamo tanto amati

 

 

 

 

Rispondi a Fritz Gemini Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: